Vai al contenuto
Diminuisci la visualizzazione Incrementa la visualizzazione Resetta la visualizzazione
SINP - Vai al Portale territoriale Provinciale
L’Ata affida al Cosmari la gestione integrata dei rifiuti urbani

Sarà il Cosmari ad assicurare la gestione integrata dei rifiuti nella provincia di Macerata. Lo ha deciso, all’unanimità, l’Assemblea territoriale d’ambito, la struttura giuridica composta dai sindaci e presieduta da Antonio Pettinari, a cui la Regione ha affidato il compito di programmare, organizzare e controllare il servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani all’interno dell’Ambito territoriale ottimale n. 3 - Macerata. L’affidamento è avvenuto “in house providing”, vale a dire in maniera diretta, dal momento che il Cosmari ha le “carte in regola”, tutti i requisiti previsti dalla normativa comunitaria: non solo un soggetto totalmente in mano pubblica, su cui l’Amministrazione pubblica esercita il controllo e la supervisione dell’attività, ma un Consorzio che, negli anni, ha dato prova di un’esperienza e di una professionalità tali da ottenere risultati che pongono il Maceratese ai vertici nazionali della differenziata.
Quindici anni la durata dell’affidamento, a decorrere dal primo marzo 2014, ma anche prima se, nel frattempo, si saranno realizzate tutte le condizioni operative e logistiche per la stipula del contratto di servizio tra le parti, a cominciare dalla trasformazione definitiva del Cosmari in Srl e dalla conclusione delle procedure per l’assorbimento della Smea da parte del Cosmari, dopo l’accordo raggiunto, appena tre giorni fa, con l’acquisizione della Smea da parte del Consorzio di rifiuti. Il contratto di servizio - lo prevede una specifica clausola - potrà essere modificato per conformarsi ai futuri Piani d’ambito e straordinario d’Ambito che dovranno essere redatti e approvati dall’Ata sulla base dei criteri e della pianificazione regionali. Ma la cosa importante è che l’Assemblea territoriale d’Ambito non sarà un “carrozzone”, l’ennesima sovrastruttura. Lo ha sottolineato, nel corso della seduta, il presidente Pettinari, precisando che l’Ata si avvarrà, tramite un’apposita convenzione, del personale della Provincia, a costi zero dunque, sulla linea di sobrietà, rigore e risparmio intrapresa fin dal suo insediamento dall’Amministrazione provinciale.
Per Pettinari, che ha seguito assiduamente l’intera questione dei rifiuti, cercando tutte le possibili mediazioni per arrivare finalmente a questa soluzione unitaria, “oggi è un giorno di festa: ha prevalso l’interesse generale e, soprattutto, si segna un deciso passo avanti nella gestione dei rifiuti, che permetterà di aumentare l’efficienza e le già eccellenti performance del territorio provinciale maceratese”.

  • Data di pubblicazione: 31/10/2013 ore 19:19
Condividi questa pagina con:
Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • Facebook
  • TwitThis
  • MySpace
  • Live-MSN
  • Wikio IT
  • MisterWong
  • Y!GG
  • Webnews
  • Digg
  • del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Alltagz
  • Ask
  • BarraPunto
  • blinkbits
  • BlinkList
  • Bloglines
  • blogmarks

Cerca nel sito